48 ore a NY: la tua guida economica per esplorare Brooklyn

Siel Garrone
Di Cameron Cook / Siel Garrone
scrittore/giornalista
© Brendan Church/Unsplash.com

Se potessi passare 48 ore a Brooklyn, New York, ma volessi evitare di spendere una fortuna, cosa faresti? Lo abbiamo chiesto al giornalista, scrittore ed esperto di Brooklyn, Cameron Cook, e lui ci ha consigliato cosa fare nella Grande Mela con un budget limitato a nostra disposizione…

Se recentemente hai avuto l’occasione di parlare con un newyorkese, probabilmente sarai già a conoscenza di quanto la città sia cambiata nel corso degli ultimi 10 anni, di come il prezzo degli affitti sia schizzato alle stelle e di come la costruzione di nuovi condomini e l’invasione dei broker di Wall Street abbiano reso la città pressoché invivibile. È risaputo che gli abitanti di New York sono inclini all’esagerazione, ma sfortunatamente in questo caso gran parte delle nostre lamentele sono anche troppo fondate: sembra quasi che, giorno dopo giorno, i nostri punti di riferimento scompaiano di fronte ai nostri occhi (che riposino in pace Pearl Paint, Other Music, Winnie’s Bar… solo per nominarne alcuni che hanno chiuso durante l’ultimo anno).

Spesso, siamo talmente immersi in questo vortice di cambiamenti che tendiamo a dimenticare che ci sono ancora molte ragioni per visitare New York e che nonostante sia una delle città più costose del mondo, dispone comunque di una notevole offerta di attività a basso costo che possono interessare i visitatori meno abbienti. In internet, si possono trovare svariati articoli rivolti a chi è interessato a esplorare New York spendendo il meno possibile, di conseguenza sono state evitate le mete più ovvie per concentrarsi invece su come un brooklynites di basso profilo passerebbe il weekend andando in giro per i suoi posti preferiti in compagnia degli amici, stando ben attento a evitare le trappole per turisti. Ecco i consigli di Cameron Cook:

Sei appena atterrato, sei scombussolato dal Jet Lag e hai fame e sete: scopri il modo migliore per raggiungere il centro città dall’aeroporto e acquistare cibo e bevande velocemente e con il minimo sforzo.

Sabato, 10 di mattina: colazione a Greenpoint

new york 48 ore
© Daryan Shamkhali/Unsplash.com

“Diamo per scontato che venerdì sera non hai fatto serata, che sei in piedi di sabato mattina di buon’ora e stai cercando un posto dove prendere un caffè e addentare un bagel per iniziare la giornata e il weekend nel migliore dei modi. Lo scorso anno, all’apertura di Frankel’s si faceva fatica persino a varcare l’ingresso, ma adesso che questo bar non è più la novità di Greenpoint, la fila è più ragionevole. Come da Russ and Daughters, ma più giovane e alla moda, qui il salmone affumicato è delizioso ed è un esempio perfetto di tipico cibo newyorkese da gustare senza doversi spingere fino a Manhattan.

Se invece preferisci qualcosa di dolce, al Peter Pan Donut and Bakery Shop di Manhattan Avenue troverai le ciambelle più gustose in circolazione: mi raccomando diffida delle imitazioni. Peter pan è da sempre stato il punto di riferimento delle comunità polacca nella zona e le sue semplici ricette e i sapori genuini sono imbattibili. Se ti trovi da queste parti in una sera d’estate, chiedi di farti farcire la ciambella con del gelato e toccherai il cielo con un dito.

Se vuoi trovare l’hotel perfetto per te a Brooklyn prova KAYAK Heatmap: fai clic su “Vedi mappa” nell’angolo in alto a sinistra nella pagina di ricerca degli hotel e seleziona l’attività che preferisci. Shopping, cibo o vita notturna? E perché non tutte e tre?

Sabato a mezzogiorno: parco, pizza, abiti vintage e negozi di dischi a Williamsburg

Fai una passeggiata a McCarren Park, al limitare tra Williamsburg e Greenpoint: è il posto perfetto per osservare la fauna locale, sia che si tratti di un gruppo di ragazzini intenti ad abbuffarsi di pizza vegana di Vinnie’s  – dopo un venerdì di bisboccia – oppure di ebrei ortodossi impegnati in una partita di croquet nel bel mezzo di un campo da basket (storia vera). Una delle poche aperture di negozi che è stata effettivamente ben integrata nel quartiere è quella di Rough Trade, il leggendario negozio di dischi inglese. Con il progressivo scomparire di negozi fisici a una velocità allarmante, è diventato uno dei pochi della zona dove fare acquisti e al contempo godere di una notevole esperienza musicale (nonostante io parteggi per Earwax, sulla North 9th street). Rough Trade dispone anche di una sala dove si può assistere a concerti dal vivo, quindi assicurati di controllare in anticipo la loro programmazione.

new york 48 ore
© Mary-Ann Ee/Eyeem.com

Voli per New York da 341 €

Negli ultimi anni, Williamsburg è stato letteralmente invaso da grandi catene di negozi di abbigliamento (sono abbastanza sicuro di aver partecipato a un festival punk illegale nel seminterrato di quello che ora è J.Crew), ma in negozi come About Glamour puoi ancora trovare articoli vintage alternativi senza dissanguare il tuo conto in banca. Inoltre, c’è sempre il fedele punto di riferimento del quartiere: Beacon’s Closet. E poi, nel caso decidessi di spingerti fino a Bushwick, da Urban Jungle troverai una vasta scelta di abiti vintage da uomo.

Le 5 del pomeriggio: ostriche a Greenpoint

Greenpoint Fish & Lobster Co. è diventato uno dei miei locali preferiti dove cenare. A dire la verità è un po’ costoso, ma senti questa: ogni giorno fanno un Happy Hour di ostriche dalle 3 alle 6 del pomeriggio. Preferisci qualcosa di meno ricercato? Prova l’ottimo furgoncino dei tacos che di solito sosta su North 6th Street o Bedford Avenue: è una zona molto trafficata a piedi, ma qui potrai gustare un “tongue torta” (tortino di lingua) per soli $6, il piatto più buono che puoi trovare da queste parti.

8 di sera: modalità drink ON – I bar di Brooklyn tra cocktail e musica

new york 48 ore
DUMBO (a Brooklyn): sotto il Manhattan Bridge © Hieu Vu Minh/Unsplash.com

Brooklyn Bowl è al tempo stesso una sala da bowling, un ristorante e un locale di concerti, tutto in uno. Cerca di arrivare presto, poiché l’attesa può diventare molto molto lunga e spiacevole, ma l’atmosfera e l’incredibile qualità del cibo (cortesia dell’esclusivo Blue Ribbon) ne varranno senza dubbio la pena. Avventurati sotto il ponte di Williamsburg e raggiungi il Baby’s All Right, un nuovo bar che è diventato uno dei posti più frequentati della zona. Nella sala principale c’è sempre una buona varietà di DJ set e il bartender ti servirà un cocktail con tutti i crismi non appena ti avvicinerai al bancone: perfetto per rilassarti e farti un’idea della clientela del posto.

Domenica a pranzo: brunch a Brooklyn e Prospect Park

A questo punto, è praticamente obbligatorio uniformarsi alle usanze dello stato di New York e cercare un buon posto dove fare il brunch: quindi perché non immergersi fino in fondo nell’atmosfera di Brooklyn? Il Tom’s Restaurant a Prospect Heights è assolutamente leggendario, un vero ristorante vecchia scuola a gestione familiare dove ti sembrerà di trovarti in una puntata di Laverne and Shirley, una serie tv in onda a cavallo tra gli anni ‘70 e ‘80. Di domenica c’è sempre la fila, ma lo staff garantisce un servizio mai sentito prima e offre degli spuntini per placare la fame e ingannare l’attesa. Segnati queste parole: pancakes limone e ricotta.

Soggiorno per New York da 15 €

Sicuramente avrai già visitato Central Park, ma ogni brooklynite che si rispetti ti consiglierà comunque di passare almeno un’ora alla scoperta di Prospect Park, il quale non ha nulla da invidiare al suo più famoso cugino di Manhattan, ma è meno affollato e c’è meno gente sui rollerblade. Nelle belle giornate, il lago è particolarmente tranquillo (e durante l’inverno è perfetto per pattinare sul ghiaccio).

Le 2 del pomeriggio: è l’ora di un po’ di cultura

new york 48 ore
Giardini botanici di Brooklyn © Wylerson/Eyeem.com

Giusto all’estremità del parco troverai il Brooklyn Museum: il primo sabato del mese l’accesso agli eventi è gratuito, ma assicurati di arrivare presto! Qui si tengono dibattiti, l’ingresso è ridotto per le mostre e DJ e gruppi si esibiscono nel gigantesco atrio del museo: una buona occasione per visitare la mostre permanenti. Se sei più un tipo da immersioni nella natura, proprio accanto c’è il Brooklyn Botanic Garden, dove puoi perderti in un labirinto di piante e di fiori di ogni varietà.

Le 5 del pomeriggio: ti meriti un drink o due a “Bed-Stuy”

new york 48 ore
‘Bed-Stuy’ in inverno © Justin Brown/Eyeem.com

Proprio come il cobra è il nemico naturale della mangusta, il processo di gentrificazione del quartiere è il nemico naturale del brooklynite. In tempi non lontani, solo pronunciare le parole “Bed-Stuy” faceva rabbrividire i cittadini onesti. Ora il sud di Brooklyn, una volta considerata zona malfamata da cui tenersi alla larga, è diventata un paradiso per gli artisti. Ad ogni modo, mentre passeggi per le strade su cui si affacciano splendidi edifici storici di mattoni rossi, potrai ancora imbatterti nell’autentica atmosfera di Bed-Stuy (Bedford-Stuyvesant).

Attività per New York

Peaches ad esempio, è un ristorante soul food (cucina afro-americana) che si impegna a coniugare la cucina del sud con le atmosfere di Brooklyn. Dopo, fai tappa al Project Parlor per un drink: questo bar fornisce cibo e bevande agli studenti del vicino Pratt Institute o ancora meglio, prova il Tip Top Bar & Grill, un bar frequentato solamente da residenti dove giuro che non ho mai visto grigliare qualcosa. In ogni caso, c’è un fantastico jukebox.

Le 8 di sera: i miei ristoranti preferiti a Chinatown

new york 48 ore
Chinatown © Khachik Simonian/Unsplash.com

D’accordo, avevo detto che saremmo rimasti a Brooklyn, ma in un certo qual modo, Chinatown può essere considerata un’estensione del nostro quartiere: i suoi stretti vicoli sono straripanti di cultura e da queste parti c’è sempre un’avventura che ti aspetta. Prendi la linea A della metropolitana e scendi alla fermata di Canal Street, dove potrai perlustrare gli estesi vicoli a caccia di borse contraffatte e stravaganti T-shirts introvabili all’infuori di New York. Per la cena, ti consiglio gli infallibili Nice Green Bo o il Great NY Noodle Town: sono situati uno di fronte all’altro su Bayard Street e mentre nel primo potrai deliziarti con i ravioli ripieni al sugo di maiale migliori di tutto il continente, nel secondo troverai un ottimo risotto all’anatra per soli 5 dollari. Per il dessert, recati al Chinatown Ice Cream Factory, è un’istituzione del quartiere da oltre 30 anni e prepara gelati ai gusti più disparati ed esotici come durian, taro e sesamo nero.

✈  Milano – New York da 346 €

Venezia – New York da 369 €

Bologna – New York da 367 €

Roma – New York da 357 €

Le 10 di sera: il miglior karaoke di tutta New York

Winnie’s (che purtroppo ha chiuso) era considerato il detentore indiscusso del titolo di miglior bar karaoke e la leggenda narra che nelle notti di luna piena si senta ancora la voce di Vinnie intonare “Total Eclipse of the Heart” in mandarino. BINY (acronimo di “Best in New York) e ora il migliore e offre inoltre la possibilità di riservare delle stanze private e risparmiarsi l’imbarazzo di cantare a squarciagola di fronte a una platea di perfetti sconosciuti (che però è anche la parte più divertente del karaoke).

La città starà anche cambiando, ma alcune capisaldi rimangono immutati: gli ubriachi amano il karaoke, si può ancora passare l’estate nutrendosi di hot dog e di coni gelato di Mr. Softee e New York è ancora uno dei posti più incredibili del mondo.”

In questo post ti abbiamo fornito alcuni consigli riguardo luoghi e attività imperdibili a Brooklyn, ma sicuramente una volta a New York vorrai visitare anche altre aree della città senza perdere troppo tempo negli spostamenti. Ecco perché abbiamo creato un’utile guida per orientarti tra mezzi di trasporto a tua disposizione per raggiungere Pennsylvania Station dai tre aeroporti di New York. Scegli quello più adatto a te tra taxi, metropolitana o auto.

Nota: I prezzi si riferiscono a ricerche effettuate su KAYAK.it in data 10.04.2017. I prezzi sono indicati in EUR. I prezzi dei voli si basano su risultati di ricerche per voli di andata e ritorno in classe economica. I prezzi per pernottamento in hotel si riferiscono al costo di base per una camera doppia. I prezzi possono cambiare o non essere più disponibili.

Nome / email / commento non valido.

Google+