#KAYAKHacksMarrakech: intervista con Laura La Monaca

Marrakech: solo il nome basta ad evocare immagini esotiche e orizzonti dai caldi colori ambrati. Conosciuta anche come la Città Rossa, questa magica meta di viaggio sa regalare esperienze uniche. Per aiutare chi desidera scoprire le meraviglie di questo luogo, KAYAK.it ha intervistato Laura La Monaca, blogger di http://dailybreakfast.net, per conoscere i segreti della vita di una travelblogger e raccogliere utili consigli di viaggio!

Per curiosità, cosa ti ha spinto a creare un tuo blog e come ne hai deciso il nome?
Lavoravo nell’ufficio commerciale di una casa editrice, e avevo bisogno di uno sfogo creativo che unisse le mie passioni per la cucina e la fotografia. Ho aperto il blog pensando al momento della giornata più importante per me, la colazione, e subito dopo ho iniziato a studiare fotografia digitale per intraprendere poi un percorso che mi ha portata a fare della fotografia la mia occupazione full time, lavorando con riviste o aziende.

 I tuoi viaggi ti hanno portata in così tanti Paesi: quali mancano ancora all’appello tra le mete che desideri scoprire?
Alaska, le Galapagos e il Messico sicuramente sono in cima alla lista!

E quale tra le mete che hai visitato definiresti come preferita?
Le Hawaii, dove tornerei appena possibile e la Lapponia finlandese. Paesaggi molto diversi ma molto simili tra loro, dove la popolazione ha un gran rispetto per il territorio che li circonda e lascia che i propri ritmi siano scanditi da quelli della natura stessa.

Se disponessi di un budget illimitato e 24 ore di tempo, quale itinerario di viaggio programmeresti?
Budget illimitato e solo 24 ore? Troppo poco tempo! In quel caso andrei in un’agenzia e spenderei il budget per programmare i prossimi viaggi. Vale lo stesso?

Ogni viaggio inizia con l’organizzazione: come scegli dove andare e quando?
Con il mio lavoro ho la fortuna di poter viaggiare evitando l’alta stagione. Ho scoperto che ad esempio Milano ad Agosto non mi dispiace. Preferisco poi rimandare i viaggi in Autunno quando il tempo è ancora bello nella maggior parte delle destinazioni e le tariffe di solito sono più basse. Non mi dispiace viaggiare da sola, ma spesso parto dall’idea di andare a trovare amici che vivono da qualche parte nel mondo e da lì costruire l’itinerario per poi continuare il viaggio.

Quali sono le cose che non possono mancare nel tuo zaino? Cosa consiglieresti di portare per un viaggio a Marrakech?
La macchina fotografica, ovviamente. Compagna indispensabile. Anche se ho imparato a scattare le foto anche nella mia mente, per godere i momenti unici del viaggio senza doverli per forza immortalare. A Marrakech portatevi un cappello!

Cosa ti ha particolarmente colpito di questa città?
La luce incredibile, e quanto sia davvero fotogenica come città.

8. Quale tra le imprese del viaggio è stata la più difficile?
Le imprese sembravano facili, e invece… Su alcune risposte ho avuto qualche dubbio, come per la bevanda rinfrescante. Io resto convinta che sia il tè caldo alla menta, ma un’altra partecipante alle missioni ha indicato la spremuta di arancia e ho iniziato a dubitare. È stato difficile trovare anche dei menù in arabo perché il francese ormai è la lingua principale, e soprattutto non è stato facile trovare un posto dove servissero la pietanza nella tajin.

https://www.instagram.com/p/BSwZHv6gwsU/?hl=it

 Se dovessi scegliere solo una fotografia del tuo viaggio che descriva lo spirito di Marrakech, quale sarebbe?
I mercati che si trovano in ogni angolo della città.

Street market #KAYAKhacksMarrakech

A post shared by Laura La Monaca (@dailybreakfast) on

Esiste una pietanza tipica di Marrakech che hai voluto assolutamente provare appena arrivata?
Sono siciliana e, soprattutto nella zona di Trapani, un piatto tipico tradizionale, grazie alle influenze arabe, è il cous cous di cui vado matta. Appena arrivata a Marrakech non ho avuto dubbi: il cous cous più buono che abbia mai mangiato.

Quale consiglio di viaggio daresti agli utenti di KAYAK.it che vogliono visitare Marrakech?
Consigliere qualcosa che probabilmente non è nella nostra mentalità, ma è parte integrante e tipico della cultura Berbera: contrattare! Su tutto e ovunque.

https://www.instagram.com/p/BS-2-DQAeW2/?hl=it

 Durante il tuo viaggio hai utilizzato KAYAK Trips: in che modo questa funzionalità ha migliorato la tua esperienza?
Avere tutti gli itinerari di viaggio in un’unica app è quello che ho sempre sognato che qualcuno facesse. Di solito per ogni viaggio facevo io il lavoro che adesso si può fare su KAYAK Trips semplicemente inoltrando una mail. Mai più senza!